Cosmesi Naturale Beauty Fai Da Te

INCI: COME LEGGERE (CORRETTAMENTE) L’ETICHETTA DEI COSMETICI

Oggi parliamo di INCI 🙂 Voglio spiegarvi come leggere l’etichetta dei cosmetici che trovate al supermercato o in profumeria, correttamente e in pochi minuti.
Pronte? Cominciamo!

SIMBOLI

Sulla nostra etichetta possiamo trovare questi simboli:

PAO

pao cosmetici

Questo barattolo aperto all’interno ha solitamente una cifra (ad esempio 6 oppure 12) e la lettera “M” (indica i mesi). Questo simbolo sta ad indicare che dal momento in cui aprirete il barattolo di crema, o del cosmetico, il prodotto si conserverà per tutto questo tempo.

SCADENZA

Potete trovare anche questa clessidra, che sta ad indicare “consumarsi preferibilmente entro il…” e accanto sarà indicata la data precisa di scadenza del prodotto.

QUANTITA’ DI PRODOTTO

Quando trovate questa lettera “E”, accanto ci sarà anche indicata la quantità di prodotto presente nel barattolo. Questo simbolo ha il significato di “circa”, quindi significa che può esserci una piccola variazione del peso del prodotto, rispetto a quello riportato accanto alla lettera “e”.

CERTIFICAZIONI

Saranno indicate poi le eventuali certificazioni del prodotto: Vegan, Testato per i Metalli Pesanti, Bio, Senza Glutine, Senza Lattosio…

RICICLABILE

Questi simboli con la doppia o la tripla freccia, stanno ad indicare che il prodotto è riciclabile.

INCI

E’ la nomenclatura utilizzata internazionalmente per identificare gli ingredienti presenti all’interno di un cosmetico.
Uno dei primi fattori da prendere in considerazione quando guardiamo l’inci di un prodotto, è:

L’ORDINE DEGLI INGREDIENTI:

Gli ingredienti non sono mai indicati in ordine casuale, infatti gli ingredienti all’inizio dell’elenco sono quelli presenti in maggiore quantità, mentre quelli alla fine dell’elenco sono presenti in minore quantità.

Per tutti gli ingredienti presenti in concentrazione minore all’1% (negli ultimi posti dell’elenco, in fondo a tutti gli altri) non vale più questa regola, sono cioè indicati in ordine sparso, quindi può essere che l’ultimo ingrediente della lista non sia per forza quello presente in minore quantità, però è sicuramente inferiore all’1%.

INGREDIENTI DI DERIVAZIONE VEGETALE

Tutte le sostanze di derivazione vegetale sono indicate con il nome della pianta in lingua latina.
Ad esempio:

“OLIO D’OLIVA”: sempre riportato come “OLEA EUROPAEA Fruit Oil”

Il nome latino è sempre seguito dal termine inglese relativo al nome della parte della pianta impiegata (come ad esempio Seed per i Semi, se il prodotto viene estratto dai semi della pianta, Leaf per le Foglie, Fruit per i Frutti). Nel caso dell’olio d’oliva, infatti, trovate “FRUIT“.

Successivamente trovate anche il tipo di prodotto ottenuto, in inglese: ad esempio OIL per l’olio.

PRODOTTI DI DERIVAZIONE CHIMICA

Tutti i prodotti di derivazione chimica sono indicati esclusivamente in inglese, non hanno alcuna parte del nome in latino.

ORDINE DEGLI INGREDIENTI

Prima di tutto è importante specificare che noi non possiamo conoscere le esatte percentuali di ogni ingrediente presente all’interno di un cosmetico, perché sono informazioni riservate ovviamente alle case produttrici, anche per evitare plagi e copie.

Possiamo però intuire quale possa essere la loro concentrazione, immaginando di suddividere l’elenco degli ingredienti in 3 blocchi.

BLOCCO 1: Contiene il 90% del prodotto 

BLOCCO 2: Contiene il 5%-8% del prodotto

BLOCCO 3: Rappresenta dal 3% all’ 1% del prodotto. (Tranne l’ultimissima parte, in fondo, dove si trovano solitamente: coloranti, conservanti, profumi…)

PROFUMI

I profumi sono indicati solamente con questi nomi:

“PARFUM” oppure “AROMA”

Molto probabilmente troverete solamente questi nomi, in quanto ogni profumazione è composta da molteplici sostanze, sia di derivazione naturale sia di derivazione di sintesi. Ogni profumazione è composta generalmente da 30 a 50 tipi di fragranze diverse messe assieme, quindi diventerebbe un problema scriverli tutti nell’inci 🙂

Vengono indicati solo gli ingredienti che possono essere più allergizzanti, come il Limonene, ecc…

COLORANTI:

I coloranti vengono indicati con la sigla “CI” seguita da una serie di cifre, come: CI 48201. Tendenzialmente vengono inseriti alla fine dell’elenco in ordine sparso.

COME CAPIRE SE STIAMO ACQUISTANDO UN PRODOTTO VALIDO OPPURE NO:

Se gli ingredienti considerati NOCIVI (come parabeni, siliconi e petrolati) sono nei primi due blocchi (ma soprattutto nel primo blocco), allora meglio valutare bene l’acquisto del prodotto, personalmente vi sconsiglio di acquistare il prodotto.

Quando però andiamo a verificare se l’ingrediente ha “pallini rossi” oppure no e constatiamo che un ingrediente presente tra i primi dell’inci, ha un “pallino rosso”, io personalmente controllerei il tipo di ingrediente prima di escludere l’acquisto del prodotto, perché per esperienza vi posso dire che l’assegnazione del “pallino rosso” non è sempre legata ad un danno che possono provocare alla pelle (ma magari è legato al fatto che l’ingrediente non è ecobio, può arrecare danno all’ambiente, ad esempio).

Spero che questo articolo vi sia stato d’aiuto. Se avete dubbi, domandemlasciate un commento qui sotto.
Vi è piaciuto questo post? Fatemelo sapere con un commento e, se vi va, condivitelo sui vostri blog, facebook, twitter e google+! 🙂

Iscrivetevi alla Newsletter per ricevere ogni settimana dei nuovi consigli di bellezza 🙂 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

SCOPRI DI PIU'
close-image